Ostuni, la città bianca, un’altra meraviglia pugliese da non perdere. Di sera, poi, la magia si amplifica. Potrete parcheggiare il vostro camper sempre in via Tommasi all’interno del parcheggio comunale.

Cominciate la visita dalla Colonna di Sant’Oronzo in piazza della Libertà, immaginando il “suo” punto di vista: all’alto del suo obelisco, il patrono guarda a 360 gradi l’orizzonte fra le colline e il mare.

2016-12-30-11-26-09

Salite per via Cattedrale attraverso la città vecchia, la “Terra”, fra case immacolate spesso scavate nella roccia, archi e palazzi gentilizi, scorci barocchi e chiese di pietra dorata, botteghe artigianali. Il bello è abbandonare la via più battuta e perdersi per vicoli, scale e piazzette, fino alla quattrocentesca Concattedrale dedicata a Santa Maria dell’Assunzione.

Qui si coltiva l’arte dei fischietti di terracotta, di “pumi” e “pigne” benauguranti in ceramica, di sandali in cuoio. Difficile resistere.

E quel che ci vuole è una bella cena presso l’Osteria Divino Salentino:

Ostuni è la città più luminosa del brindisino. Non perché sia in una particolare posizione che la rende meglio esposta al sole, ma la bomboniera risplende di luce propria, grazie alla candida calce che riveste gli edifici del suo centro storico.

2016-12-30-11-46-27

Ostuni è una tappa obbligatoria, non ve ne pentirete!

S&D

One Reply to “Ostuni by night in camper Estate 2016”

Rispondi