La pioggia non ci ha mai spaventati troppo! E d’altronde è tempo di mare. Quindi, anche se decisamente in ritardo, vi raccontiamo del nostro weekend in camper al mare, direzione Liguria!

Partiamo, ormai come di consueto, il venerdì sera e raggiungiamo l’area sosta camper di Santa Margherita Ligure, in via Mortero. Si tratta di un’area di sosta a parcheggio misto (€7,50 al giorno | Scarico acque reflue: Gratis | Scarico WC chimico: Gratis).

Santa Margherita Ligure è incastonata tra la natura incontaminata del Monte di Portofino ed i meravigliosi fondali del Golfo del Tigullio. I colori pastello della Liguria, dalle case al mare.

IMG_3548

IMG_3549

IMG_3554

Il tempo è brutto, ma il mare risolve tutto quanto e porta via lo stress, la stanchezza e la tristezza!

IMG_3567

IMG_20160423_120512[1]

… o forse un po’ di stanchezza, nonostante tutto, si vede, ahahah!

Quindi, rifocilliamoci subito: trofie al pesto, quanta bontà in un piatto così semplice!

PicMonkey Collage

Una passeggiata pomeridiana tra vicoletti, negozi e un po’ di aria di mare:

IMG_3568IMG_3580IMG_3584

IMG_3585

L’indomani mattina decidiamo di fare un percorso di trekking all’interno del Parco di Portofino verso Portofino e Paraggi. E per una colazione da campioni…

IMG_3611

Il percorso inizia e termina a Santa Margherita Ligure.

IMG_3613

Si parte da Salita Montebello, la via carrabile dietro al benzinaio di fronte al porto turistico. Superate alcune abitazioni, la strada diventa una mulattiera che tra muri di recinzione e fasce coltivate ad ulivi arriva alla Cappelletta della Madonna della Neve, in località Nozarego. Da qui con lo sguardo si abbraccia tutto il Golfo del Tigullio.

Proseguendo per pochi metri sulla strada carrozzabile, a sinistra s’incontra il primo dei due sentieri (l’altro è poco più avanti, davanti alla chiesa di Nozarego) che si addentra nel Parco di Portofino.

Dopo la salita iniziale, il sentiero avanza in pianura affacciandosi sul Golfo e, in particolare, su Punta Pedale e sull’Abbazia della Cervara, fino a località Gave, crocevia di sentieri (da qui si può scendere a Paraggi, salire a località Crocetta) caratterizzato da una cappelletta.

Contrassegnata dal simbolo segnavia, la mulattiera sale, sulla destra, ombreggiata da un bosco di pini e lecci per poi continuare in aperta campagna costeggiando alcune abitazioni, fasce coltivate e qualche piccolo vigneto. Si arriva così ad un punto di sosta attrezzato con panche, tavoli e rubinetto di acqua potabile presso il Mulino di Gassetta, ecomuseo e punto di ristoro.

La mulattiera diventa ora strada carrabile (ad uso soprattutto degli abitanti) e, in breve, in località Olmi si congiunge con l’asse principale del Monte, l’itinerario Portofino Vetta-Portofino Mare.

IMG_3647

Seguendo, a sinistra, la direzione Portofino mare si scende con un percorso piacevole che si svolge tra belle ville, giardini molto curati, orti e paesaggi da cartolina.

IMG_3654

Arrivati al punto di sosta, in cui al presente si unisce il sentiero proveniente da San Fruttuoso, si prosegue a sinistra (Portofino si può raggiungere anche proseguendo diritti) e, oltrepassati una torretta, in località Terruzzo, e un piccolo campo da calcio, si giunge in località San Sebastiano, costituita da un piccolo nucleo di case e da una graziosa chiesetta.

La discesa si fa via via sempre più ripida ma altrettanto entusiasmante per gli scenari che offre: la baia di Paraggi, Castello Brown, la “piazzetta” di Portofino, la Chiesa di San Giorgio.

IMG_3659

L’arrivo al famoso borgo è presso la chiesa parrocchiale di San Martino.

IMG_3663

IMG_3667

Da qui, dopo una visita a Portofino, riprendiamo il percorso con la pedonale Portofino-Paraggi, una passeggiata, poco sopra la strada carrabile ma immersa nel verde del Parco, che in circa 30′ minuti conduce a Paraggi.

IMG_3684

IMG_3697

Percorsi pochi metri sulla strada principale in direzione Santa Margherita Ligure, il percorso continua con la piccola, ma ripida, scalinata che incontriamo all’entrata del parcheggio di Paraggi, di fianco al ristorante.

La salita, che si snoda tra alti muri di recinzione e fasce, ha una forte pendenza che la rende abbastanza faticosa ma, in breve (25′ circa) sbuca a Cappelletta delle Gave, la località incontrata all’andata.

Per non ripercorrere il tragitto già fatto, proseguire sempre diritti sul sentiero principale fino a Santa Margherita Ligure.

A presto con l’ultima gita prima delle vacanze estive!

S&D

Annunci

3 Replies to “#SantaINLOVE”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: